Ama ciò che fai...
Studia ciò che ami...

Banner Pixel

Pixel, l'iPhone di Google

Questa frase raccoglie la reazione generale dell'utenza all'annuncio di Google del suo Google Pixel, i richiami al design ed allo stile Apple - infatti - sono sembrati palesi.

Google ormai non è più solo il motore di ricerca più usato al mondo, ma con le sue acquisizioni ed i suoi team di sviluppo è presente nella nostra vita a 360°; Android è un prodotto Google, ma non era sufficiente per volersi imporre anche a livello di immagine nel mondo della telefonia.

Il 4 ottobre ha voluto presentare la sua ultima "creatura" ovvero il Google Pixel, telefono realizzato interamente dall'azienda e con caratteristiche hardware molto interessanti, ma questo articolo non nasce con l'intenzione di essere una recensione tecnica del nuovo smartphone
L'elemento che maggiormente ci ha stupito nell'annuncio di Google è stato il voler richiamare lo stile della Apple per quanto concerne sito web e pubblicità; è innegabile che la società della "mela morsicata" sia riuscita con gli anni a creare uno stile unico che la distingue immediatamente dai suoi competitor, ma la sensazione è che Google avrebbe dovuto distaccarsi da uno stile "già visto".

Per molti appassionati del mondo smartphone, la maggiore differenza tra Apple e Samsung - ad esempio - non riguarda gli elementi hardware o di progettazione bensì tutto il contorno che accompagna ogni progetto dell'azienda statunitense; Samsung è un'azienda che si preoccupa esclusivamente di vendere un prodotto che soddisfi la clientela, Apple lavora nel ricreare una vera fanbase grazie ad uno stile riconducibile esclusivamente ad essa.

Google ha sfruttato la via più breve andando a prendere spunto dalla visione Apple dando però alla clientela la sensazione che sia semplicemente un qualcosa di "già visto"; anche la pubblicità che ha accompagnato l'annuncio del prodotto ha confermato questa sensazione.

La scelta di Google è una scelta rischiosa, porsi come rivale diretto della Apple e richiamare il suo stile potrebbe avere un effetto boomerang. La stessa decisione di realizzare uno smartphone che si piazzerà nella fascia di mercato alta (con costi superiori a 700€) sembra una marcia indietro rispetto al desiderio del passato di voler realizzare smartphone con prestazioni elevate pur mantenendo prezzi accessibili; stiamo parlando del precedente progetto Google ovvero il Nexus, a tutti gli effetti un cellulare di Google, ma con componentistica LG, molto apprezzato dalla clientela per il suo rapporto qualità/prezzo.

 

Tags: Design, Apple, google, Pixel, iPhone