Ama ciò che fai...
Studia ciò che ami...

Intervista a Davide Cipollini

In occasione di una presentazione de "La parolaccia", abbiamo incontrato e intervistato per voi Davide Cipollini, l'autore, nonché nostro ex studente.
Ci ha raccontato qualche curiosità sull'audio-libro prodotto insieme agli IDVOX e del suo rapporto con gli altri membri dell'associazione.

Ciao Davide, prima di parlare de "La parolaccia", parlaci un po' di te.
Quali sono le tue più grandi passioni?
Ho sempre avuto una grande passione per il teatro e la recitazione, passione che ho coltivato soprattutto durante i miei studi in America. Ho trascrso lì l'anno del quarto liceo e ho partecipato al corso di teatro della scuola. Mi piaceva sperimentare me stesso durante il corso, passavo dal'improvvisazione comica ai giochi teatrali a squadre.
Un altro ambito al quale mi dedico con molta dedizione è lo studio, mi sono laureato in Fisica e ora sto facendo la magistrale...vorrei avere più tempo da dedicargli ma è abbastanza complicato far combaciare lo studio e  tutte le altre attività che svolgo. Mi dedico allo studio con molta intensità, ma i tempo è tiranno!
Quando ero più piccolo invece adoravo ascoltare le fiabe sonore e immergermi nelle illustrazioni che accompagnavano il racconto mostrandone visivamente i punti salienti.
Proprio per questo noi IDVOX abbiamo cercato di riproporre queste atmosfere in chiave moderna ed innovativa unendovi umorismo e ironia. Sono queste le cifre determinanti dei nostri lavori, quando siamo in studio trascorriamo ore ed ore a cercare la giusta intonazione da dare ai personaggi per ricreare l'atmosfera giusta e più adeguata alla storia senza trascurare nessun dettaglio della sceneggiatura...è stato così anche per "La parolaccia".

Di cosa parla, in breve, "La parolaccia?
Il protagonista, Cosimino, sente pronunciare dagli adulti le così dette "parolacce" e si rende conto che sono tutte accomunate da suoni forti come la R, la F la Z.
Incuriosito, ma allo stesso tempo dispiaciuto perché vorrebbe provare a pronunciarne una, ma conosce le conseguenze che avrebbe comportato dire anche solo una di quelle parole, decide di inventarsi una parolaccia tutta sua...che però non vi svelo, la scoprirete leggendo o ascoltando il libro.

Davide, cosa hai in comune con Cosimino?
Beh, entrambi siamo attratti dal potere fonetico, sonoro delle parole così come dal loro significato. Tra l'altro, per me, i bambini sono dei poeti perché riescono ad inventare parole buffe e divertenti, riescono a creare giocando.

E invece con gli IDVOX? Da quanto tempo vi conoscete?
Siamo un'associazione culturale nata recentemente ma in grande espansione, ma soprattutto siamo grandi amici, tutti giovani professionisti provenienti da settori diversi. Ci lega un bel legame, che va avanti da diversi anni e sicuramente ci accomunano la curiosità, la creatività, la voglia di progettare e di inventare divertendoci e facendo divertire chi ci ascolta o chi ci legge. Siamo tutti molto diversi...Dario Tartagni è un musicista poliedrico e compositore; Andrea Cecchi ha studiato Beni Culturali all'Università prima di capire che il doppiaggio era la sua vera passione; Francesco Giordano è laureato in Letteratura e Linguistica italiana ed è attore e insegnante di recitazione; Riccardo Parravicini sta studiando Economia e commercio e studia recitazione da molti anni; Luca Massone è un sound designer, fonico e musicista. Ognuno ha la sua strada, ma la passione per il doppiaggio ci ha uniti.

Quale obiettivo vorreste raggiungere?
Vorremmo rappresentare un'alternativa attuale, innovativa, ma altrettanto valida delle fiabe sonore, diffondendo il nostro stile come una ventata d'aria fresca.
Per ora, però, lo scopo è far ascoltare il nostro audio-libro, "La parolaccia", a chiunque!

Tags: Illustrations, Illustrazione, Intervista, DavideCipollini, La parolaccia, audiolibro, fiabe, libri illustrati