Ama ciò che fai...
Studia ciò che ami...

Creatività, tecnica e originalità: ecco chi è il motion graphic designer

La tecnica della motion graphic, ad oggi, viene applicata davvero ovunque.
Ma quali conoscenze si devono acquisire per poter collaborare con queste realtà?
Scopriamo insieme perché saperla utilizzare può rivelarsi davvero una mossa vincente...

Oramai, la tecnica della motion graphic viene applicata davvero ovunque: nelle agenzie di comunicazione e postproduzione, nelle case editrici per la realizzazione di booktrailer, ma anche nel mondo della televisione e del cinema per la creazione di spot e trailer.
Ma quali conoscenze si devono acquisire per poter collaborare con queste realtà?

Cosa bisogna saper fare

Quando ci si approccia alla motion graphic, le conoscenze che vanno acquisite sono, oltre ovviamente l’uso della tecnica stessa, quello della tipografia on-air, la progettazione e realizzazione del brand di canale con promozione su più media.

Chi impara ad utilizzare la motion graphic, imparerà anche a realizzare una campagna di programma realizzando logo animation, promo, sigle, bumper, interstitial e sottopancia; a produrre spot di programma a tema stagionale (vacanze, Natale, festività, eventi) oppure spot di programma di intrattenimento (che possono variare dalla commedia, al drammatico, allo sportivo o al prodotto per bambini). Risorse fondamentali per un motion graphic designer risultano anche le conoscenze per condurre una campagna di social media per un programma, per realizzare video di marketing, infografiche, presentazioni e l’imprescindibile uso corretto del talento nell’utilizzo dei social media.

Cosa fa davvero un motion graphic designer

Il motion graphic designer è, dunque, in grado di dare vita alle grafiche statiche con l’utilizzo di effetti visivi, animazioni e tecniche cinematiche, in modo da realizzare un prodotto interessante e coinvolgente. Il suo obiettivo è uno solo: comunicare un messaggio suscitando una risposta emotiva nell'osservatore.

Per riuscirci, naturalmente, ha bisogno di cercare costantemente idee originali e innovative per far muovere le grafiche, combinando tra loro componenti audio, video, fotografie, animazioni e illustrazioni. I risultati, in compenso, possono essere i più vari: dai titoli di coda di un film ai video musicali, dalle grafiche televisive ai menu per i Dvd, dagli spot pubblicitari ai videogames, dai loghi animati per i siti Internet alle pagine web interattive, fino alle presentazioni aziendali.
Quello che serve, insomma, è un bel mix di creatività, competenze tecniche e originalità.

Una figura richiestissima

Le figure professionali in grado di destreggiarsi tra queste tecniche sono, ad oggi, le più richieste dalla maggior parte delle realtà lavorative. Gli sbocchi professionali per un professionista munito di questi tipi di competenze sono sicuramente presso agenzie di Comunicazione come Publicis a Roma, che è tra le più importanti, nelle Postproduzioni come Tango o Direct2Brain, ma anche per canali televisivi di diffusione nazionale e internazionale come RAI, SKY, FOX o La7.